Discografia

 

 

Non sono molte le registrazioni effettuate dal Coro Valsassina, ma ognuna di esse fotografa un particolare momento del lungo cammino canoro del gruppo.






Coro Folkloristico Valsassina * LP -1975

Registrato negli studi PDU Italiana s.p.a. - Milano

A CHI CI ASCOLTERA'
Parlare di sè riesce sempre difficile: tanto più quando si scrive e gli agguati della presunzione si moltiplicano. La nostra storia, assai semplice, inizia. nel 1969 quando a Cremeno, un gruppo di amici raccoltisi attorno a Giuseppe Devizzi, intravede nel canto corale la possibilità di mantenere in vita le tradizioni valsassinesi, unendo fra loro i paesi della intera vallata. Avuta la felicissima ventura di trovare in Iginio Minotti, chi seppe educarne con pazienza le voci ed affinarne lo spirito, i cantori di Cremeno, Barzio, Cassina, Moggio, Introbio, Maggio, Pasturo e Baiedo, si fusero nel «Coro Folkloristico Valsassina». Il 30 maggio 1971, il Parroco di Cremeno Don Carlo Alberto Crippa, sempre ospitale e sensibile alle sorti del Coro, ne benedisse la divisa sociale: pantaloni e scarponi colar' marrone, camicia e calzettoni giallo oro, maglione azzurro con distintivo. Per nol questo fu un momento importante: la divisa ci faceva sentire più uniti gli uni agli altri. Poi vennero la partecipazione al Concorso dei Cori nazionali a Barzio nel 1971, a quello nazionale di Seregno, la presenza ricorrente alla Sagra delle Sagre di Pasturo, organizzata dall'Ente Lecchese Manifestazioni, il debutto ripreso dalla Rai-TV a Milano, fra i cari Martinitt, al Teatro dell'Arte nel 1973, dovuto al milanese Dott. Riccardo Lolla Villa, eletto all'unanimità alle Pubbliche Relazioni, le serate alla Famiglia Meneghina, al Pio Albergo Trivulzio, al Circolo Alessandro Volta di Milano, e tante manifestazioni ancora, episodi non solo di cronaca ma soprattutto di preparazione e di passione.
Con le canzoni qui contenute, ci proponiamo di ringraziare tutti gli Amici, le Autorità, gli Enti, la Stampa, che ci hanno sostenuto ed offerto il più affettuoso appoggio: diamo loro l'entusiasmo del cuore e l'accordo modesto delle nostre voci, per rendere più reale - anche per chi ci legge - il saluto della verde e bella Valsassina. (dall'interno dell'album)

O Angiolina (arm. L. Pigarelli)

La leggenda della Grigna (L. Santucci - V. Carniel)

Montagnes Valdotaines (arm. G. Malatesta)

Ce' bielis maninis (arm. G. Malatesta)

Verrà quel dì di lune (elab. L. Molfino)

Monte Cauriol (arm. F. Mingozzi)

Dammi la man biondina (M. Crestani)

Maitinada (L. Pigarelli)

La pastora (arm. G. Malatesta)

Senti cara Nineta (arm. Monte Cauriol)

 

Verra quel di' di lune
PLAY
PAUSE
STOP
e

 






Coro Valsassina Cremeno * MC -1997

Registrato "live" nella chiesa della Beata Vergine Assunta - Ballabio (LC)

Belle rose du printemps (T. Usuelli)

My Lord (G. Bergani)

El fogo (B. De Marzi)

Fiore di Manuela (B. De Marzi)

Ne la me baita (A. Mazza)

Rifugio bianco (B. De Marzi)

Stelutis Alpinis (T. Zardini - arm. K. Dubienski

El Gramolon (B. De Marzi)

Monte Pasubio (B. De Marzi)

Ce bieli maninis (arm. G. Malatesta)

Sciür padrun (arm. A. Mazza)

Signore delle cime (B. De Marzi)

 






"... e la guerriera diventò la Grigna" * CD e MC - 2002

Registrato nel Santuario Madonna delle lacrime - Lezzeno (LC)

Questo disco vuole essere il riassunto del percorso iniziato nel lontano 1969, che ha visto il Coro Valsassina protagonista della vita corale dell'omonima valle con oltre 250 concerti. L'attività concertistica, naturalmente, non si è limitata alla sola Valsassina, ma si è sviluppata negli anni in numerose località italiane. [...] (dal libretto interno dell'album)

Varda che vien matina (B. De Marzi)

Les plaisirs sont doux (arm. G. Malatesta)

Improvviso (B. De Marzi)

Bènia Calastoria (B. De Marzi)

La leggenda della Grigna (L. Santucci - V. Carniel)

Sanmatìo (B. De Marzi)

Monte Pasubio (B. De Marzi)

Joska la rossa (B. De Marzi)

Bella ciao! (arm. G. Malatesta)

Sciür padrun (arm. A. Mazza)

Addio, addio (arm. A. Mazza)

L'aqua zè morta (B. De Marzi)

Ne la me baita (arm. A. Mazza)

La valle (G. Thibault - W. Orsati - elab. F. Sacchi)

Montagnes Valdotaines (arm. G. Malatesta)

 

Sciur padrun
PLAY
PAUSE
STOP
e






Amici miei... 1969 - 2009 * CD - 2009

Registrato nella chiesa di S. Maria nascente - Maggio di Cremeno (LC)

[...] ... eccoci qua: quarant'anni di Coro. Tanti i volti e gli amici incontrati; tanti i traguardi raggiunti e da raggiungere; sempre vivo il desiderio di andare avanti. [...] (Il Presidente)

[...] Quarant'anni sono decisamente un bel traguardo, che carica di responsabilità le nuove leve e le sprona a mantenere vivo l'interesse per questo tipo di repertorio. [...] (Il Direttore)

[...] Un grazie da ognuno di noi ai nostri colleghi coristi, che non sono solo colleghi: sono veri amici. [...] (I Coristi)
(dal libretto interno dell'album)

«Se regòrdet...» (intro)

Amici miei (arm. M. Paladini)

O Carolta (arm. C. Vettorazzi)

Maggio (M. Maiero)

I radìss (F. Sironi - A. Mazza)

Sabato di sera (arm. A. Mazza)

Serenada a Castel Tobli (L. Pigarelli)

Cuore alpino (Giubra - Rucano - arm. G. Scaioli)

La montanara (T. Ortelli - L. Piagarelli)

Soreghina (A. Janes)

Signore delle cime (B. De Marzi)

La cieseta de Transacqua (arm. F. Sacchi)

Io vagabondo (D. Dattoli - A. Salerno - arm. F. Sacchi)

Al comando dei nostri ufficiali (arm. L. Piagarelli)

L'ultima notte (C. Geminiani - B. De Marzi)

Joska la rossa (C. Geminiani - B. De Marzi)

Trentatrè - Vaolre alpino (A. D'Estel - D. Travè - arm. M. Lanaro)

-  dall'LP "Coro Folkloristico Valsassina" (1975)

O angiolina (arm. L. Pigarelli)

Verrà quel di' di lune (elab. L. Molfino)

-  dal CD "... e la guerriera diventò la Grigna" (2002)

Bella ciao! (arm. G. Malatesta)

La leggenda della Grigna (L. Santucci - V. Carniel)

«Se regòrdet...»

 

Io vagabondo
PLAY
PAUSE
STOP
e

 

La Cieseta de Transacqua
PLAY
PAUSE
STOP
e

Stampa

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.